play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
chevron_left
  • cover play_arrow

    ASCOLTA LA DIRETTA

News

Addio al Maestro Franco Battiato: uomo umile, artista dal talento ineguagliabile

today 31

Background

 

Era nato a Jonia il 23 marzo 1945 il Maestro.

Aveva 76 anni quando ieri sera si è spento  nella sua residenza a Milo, dopo una malattia durata diversi anni.

Davvero difficile racchiudere nelle parole la grandezza di questo artista poliedrico, eppure Franco Battiato lo era: cantante, musicista, regista di due film che aveva diretto con passione, Perdutoamor Musikante su Ludwig van Beethoven presentato alla Mostra del cinema di Venezia. Amante della pittura.

La sua musica era senza tempo e impossibile da etichettare in un unico genere. Nella sua lunghissima carriera, durata più di 50 anni, ha consegnato al mondo brani indimenticabili come La cura, Centro di gravità permanente, Voglio vederti danzare.

Era il 1971 quando iniziò a pubblicare i suoi primi dischi del tutto sperimentali (Fetus e Pollution) e quando incantava il pubblico nei suoi spettacoli: il volto trasfigurato dai trucchi, provocatorio, imperturbabile. Il mondo della critica musicale non era stato generoso con lui agli inizi e non lo riteneva capace di scrivere canzoni popolari ma lui lo fece, per sfida, per scommessa ma soprattutto con talento.

Cominciò una nuova era, L’era del cinghiale bianco che incantò il mondo con quel ritmo ipnotico, con quel fascino mistico e quel linguaggio colto, nuovo. Seguirono Stranizza d’amuri, Patriots, Veneza-IstanbulProspettiva Nevski, fino all’esplosione commerciale con La voce del padrone, Bandiera biancaCuccurucucù e Centro di gravità permanente.

Era l’era di un clamoroso successo che aveva cristallizzato Franco Battiato tra i più importanti nomi nel panorama della musica italiana. Di quel successo lui era a volte appagato, a volte infastidito. L’importante era che ce l’avesse fatta: aveva dimostrato che si potevano utilizzare le note per fare arte, poesia profonda, incisiva. La musica era diventata nelle sue dita e nelle sue parole lo strumento per andare avanti, migliorarsi e istruirsi.

Col passare degli anni il tono si fece più dolente, riflessivo, ma sempre più prezioso e furono E ti vengo a cercareL’oceano di silenzio fino alla inarrivabile La cura, tutti brani dal doppio significato, rivolti ad amori terreni, così come a pensieri astratti, spirituali.

Salutiamo questo meraviglioso artista, la sua grande umiltà come essere umano e ci consoliamo leggendo i suoi testi, firma indimenticabile di un talento ineguagliabile e incisivo.

Fabiola Astore

Fonte: LaRepubblica.it

Written by:


Previous post

News

Nuovo coprifuoco e graduali riaperture. Ecco cosa accadrà da domani, mercoledì 19 maggio

Dovrebbero entrare in vigore da domani, mercoledì 19 maggio, le nuove misure del decreto Covid che prevede, tra le tante variazioni anche lo slittamento dell'orario del coprifuoco alle 23 (dal 21 giugno il coprifuoco dovrebbe essere completamente abolito). Il testo del nuovo decreto è stato approvato ieri sera in Consiglio dei ministri e ora è al vaglio del Capo dello Stato. Il divieto di spostamenti dovuti a motivi diversi da […]

today 2

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


CONTATTI

0%